Pocket Revolution

Rivoluzione Quantizzata in arrivo, nell'attesa CONSERVARE BOTTIGLIE VUOTE

Archive for the ‘metodologia’ Category

Ampia capacità di sintesi

leave a comment »

Possiedo ampie capacità di sintesi.

Riesco a dare una definizione veloce e funzionale delle cose che sto studiando.

Ad esempio da un acronimo che corrisponde ad un certo argomento, e nel caso della spettroscopia NMR questo vuol dire un tipo di tecnica da usare, dall’acronimo, dicevo, riesco a ricavarmi la sequenza, la funzione, i vantaggi e gli inconvenienti, oltre a saper disegnare la tipologia di spettro che si ottiene dalla detta sequenza. Questo grazie alla mia capacità di comprimere concetti in pacchetti che si aprono in sequenza una volta richiesti.

Il problema sorge quando aperto il pacchetto, con definizione corretta, soffre però di un errore strutturale commesso durante la fase dell’apprendimento. Cioè quello che stavo imparando o che pensavo di imparare in realtà è sbagliato, ho quindi capito male. Però la sovrastruttura data al concetto, nonostante sia inesatta, è ben esposta ben ordinata e possiede persino una logica coerente. Però è sbagliata, e che palle!

A seguire un simpatico sito con una parziale lista di acronimi NMR

Annunci

Written by Giorgio Acrilico

27 novembre 2009 at 20:14

Pubblicato su metodologia

Tagged with ,

Burroughs contro la chimica fisica

with 2 comments

Dovete studiare?
Vi svelo un trucco.
Molte cose che sono scontate per la maggior parte degli studenti di chimica in generale, e vangelo per quelli di chimica fisica, prevedono strane regole e principi di base.
Alla Chimica fisica bisogna crederci per fede.
Comportamenti ondulatori di materia sono difficili da spiegare così come transizioni tra livelli diversi fra loro per un numero quantico: concetti ridicoli.
Tralasciando il discorso utilità (ovvero cosa ci faccio con una costante rotazionale) la chimica fisica è incomprensibile per il pensiero logico.

Il Cut-up ci viene incontro dando un suggerimento per lo studio.
Allora prendete diversi libri: fotocopiate una ventina di pagina a libro a caso, e mischiate il tutto.
Bene allora ritagliate frasi parole capoversi a caso e riscrivete il tutto sempre lasciando fare tutto al caso.
Boltzmann approverebbe tutto questo.
Adesso avete le vostre personali dispense quantiche.
Studiate e ripetete.
Troverete persino più credibili i vostri appunti di un qualunque libro.

Written by Giorgio Acrilico

8 luglio 2009 at 21:15

Pubblicato su Burroughs, Chimica, Cut-up, metodologia